13
Dec
Un po' di storia PDF Stampa E-mail
Scritto da Paolo   

Quiesa

Le origini del paese di Quiesa risalirebbero all'Alto Medioevo legate all'edificazione di un monastero benedettino nel 1025 ad opera della contessa Willa, figlia del marchese Ugo e moglie del conte Arduino. Tale monastero fu soppresso dal Papa Gregorio XII il 3.7.1408 e ne entrò in possesso il Capitolo della Cattedrale di S. Martino. Ai benedettini si deve la creazione di un primo ospizio nel 1094 e l'opera risanatrice dei paduli infestati dalle acque e dalla malaria. La chiesa e il monastero erano dedicati a S. Michele e senz'altro faceva le funzioni di parrocchia. Esiste ancora un'altra chiesa dedicata a S. Stefano risalente al sec. XI o XII. La costruzione dell'attuale chiesa parrocchiale fu iniziata nella seconda metà  del 1800 in seguito all'aumento della popolazione e alla precarietà  della vecchia chiesa di S. Michele poi demolita. E' dedicata a S. Stefano e a S. Michele, con pianta a croce latina ripartita in tre navate con abside nella navata centrale e sormontata dalla cupola. L'organo a canne è del 1837.

Massaciuccoli

Il luogo fu abitato già nel secondo secolo, come risulta dai resti di edifici e ville romane, allora sulla riva del mare. Nel Medioevo vi fu una "massa" cioè una fattoria, e dal nome del proprietario la zona si chiamò Massaciuccoli, da cui il nome attuale. Da un catalogo delle chiese pisane, la pieve risulta presente nel secolo IX. La chiesa, in origine di piccole dimensioni, fu ampliata con tre absidi, stile romanico. Dopo il 1600 la navata di destra fu adibita per abitazione del parroco, e la sinistra fu utilizzata come cimitero e sagrestia. Nel 1789 la pieve passò a far parte della Diocesi di Lucca. La chiesa fu restaurata e ampliata tra il 1870 e il 1909.

Compignano

Il piccolo, ma suggestivo tempio non riflette la primitiva costruzione: trop­pe le modifiche nel corso dei secoli. Tracce sicure della chiesa originaria sono ancora visibili nell’abside e nel campanile. Quest’ultimo di fattura abbastanza recente nella parte superiore, è invece secolare nel basamento e nella parte media, com’è possibile dedurre dal materia­le

Ultimo aggiornamento Martedì 13 Dicembre 2011 22:55